Calendario eventi

(cliccare sulle immagini per ingrandire)

INGRESSO GRATUITO LA PRIMA DOMENICA DI OGNI MESE DA OTTOBRE A MARZO

APPUNTAMENTI MARZO 2020

 

Domenica 1 marzo

#DOMENICALMUSEO

Apertura 12.30 - 18.30/ ultimo ingresso 18

Ingresso gratuito

 

Prosegue la felice iniziativa del MIBACT che prevede, la prima domenica di ogni mese, l'ingresso gratuito in tutti i siti statali (vedi sui social #domenicalmuseo). L'iniziativa ha riscosso grande risposta da parte del pubblico.

 

Domenica 8 marzo

Festa della donna

Apertura 12.30 - 18.30/ ultimo ingresso 18

Ingresso gratuito per le donne

Ore 16  Visita guidata   Eroine invisibili... La condizione della donna, tra mito e realtà

a cura dei Servizi Educativi del Museo

Fino ad esaurimento posti disponibili

 

Per la giornata dedicata alle donne, il museo propone un percorso al femminile nel repertorio delle sue decorazioni e della sua storia, volto ad evocare le figure susseguitesi nei secoli tra le stanze di questa antica dimora neoclassica.

Un itinerario in cui le storie di dee, vestali e maghe si incrociano con le vite di donne, mogli e madri realmente vissute: nobili delle varie casate che ne hanno avuto la proprieta', presenze storiche e reali, vere protagoniste dell'epoca, prima tra tutte Giacinta Milzetti.

Le loro storie si alternano a quelle delle figure fissate sulle decorazioni murali, pitture e stucchi: tra esse, dee come Minerva, Venere, Teti, Giunone, Diana, Proserpina, ma anche donne amate da dei ed eroi, tra le quali Briseide, Leda, Dafne, Europa.

Mito e realtà, decorazioni e storia offrono uno spaccato dell'universo femminile nelle sue innumerevoli declinazioni.

 

Sabato 14 marzo

Giornata nazionale del Paesaggio

Apertura 8.30 - 18.30/ ultimo ingresso 18

Ore 16  Visita guidata  Paesaggi e giardini romantici

a cura dei Servizi Educativi del Museo

Fino ad esaurimento posti disponibili

 

Domenica 15 marzo

Giornata nazionale del Paesaggio

Apertura 12.30 - 18.30/ ultimo ingresso 18

Ore 16  Visita guidata  Paesaggi e giardini romantici

a cura dei Servizi Educativi del Museo

Fino ad esaurimento posti disponibili

 

Il 14 marzo si celebrerà sull'intero territorio nazionale la quarta edizione della Giornata nazionale del Paesaggio, istituita dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo il 7 ottobre 2016, nello spirito della Convenzione Europea del Paesaggio, della quale ricorre quest’anno il ventennale, per richiamare il paesaggio come valore identitario del Paese e trasmettere il messaggio che la tutela e lo studio della sua memoria storica costituiscano valori culturali ineludibili e premessa per un uso consapevole del territorio ed uno sviluppo sostenibile.

Anche il Polo museale dell'Emilia Romagna, col museo di Palazzo Milzetti, aderisce alla Giornata nazionale del Paesaggio, proponendo un percorso guidato al suo giardino storico e alla capanna rustica che ne faceva parte.

Il giardino di Palazzo Milzetti si dilatò nel corso dell’Ottocento fino a comprendere l’intera area verde che si estende da via Tonducci a via Santa Maria dell’Angelo e a metà di quel secolo, durante la proprietà della famiglia Rondinini, conobbe una splendida sistemazione  in chiave  romantica. Con l’apparenza di un giardino spontaneo, al fine di creare un luogo di meraviglia e di piacere, vennero tracciati vialetti tra prati erbosi, scenari di rocce con cascatelle, un laghetto e una deliziosa capanna su un’isoletta, da raggiungere passeggiando tra cedri, bambù e salici piangenti.

La  “capanna rustica” che  dopo la divisione della proprietà avvenuta nel  1934 appartiene a Ferrovie dello Stato Italiane ed è gestita dal Dopolavoro Ferroviario,  si presenta come un vero e proprio unicum, con il suo esterno in tronchi e rami in legno di faggio con tetto incannicciato e il suo interno completamente dipinto in trompe-l’oeil da Romolo e Tancredi Liverani, che ci incanta con  paesaggi inquadrati da finti tendaggi, mensole con  strumenti da giardiniere e suppellettili, in un gustoso gioco di simulazione tra finzione e realtà.

La visita guidata partirà dal giardino del Palazzo, apprezzabile anche per ragioni botaniche: l'aiuola circolare centrale ospita una scenografica palma ed è bordata da lavande, mentre intorno si ergono piante sempreverdi (tasso, alloro, cedro e l'immancabile bambù, che nel diciannovesimo secolo divenne di gran moda nei giardini nobiliari per il suo fascino esotico) e altre a foglie caduche come l'acero. Un tappeto di pervinche, viole ed edera e i grandi vasi in cotto con oleandri aggiungono un ulteriore tocco di preziosità. Un'autentica rarità botanica è costituita infine dalla presenza di una felce, la lingua cervina (Phyllitis scolopendrium, protetta anche dalla legge regionale n. 2/77 a tutela della flora spontanea) sulle pareti umide del pozzo che si apre nel cortile, proprio sopra le cucine.

Dopo il giardino, si visiterà la capanna rustica, custodita e resa accessibile dal Dopolavoro Ferroviario.

La visita guidata è a cura dei Servizi Educativi del Museo, con ingresso fino ad esaurimento posti.

 

 

INFO

POLO MUSEALE DELL’EMILIA ROMAGNA

SEDE DI FAENZA, Palazzo Milzetti

Museo Nazionale dell’età neoclassica in Romagna

Via Tonducci, 15 - Faenza (Ra)

Tel. 0546/26493

pm-ero.palmilzetti-ra@beniculturali.it